Monza, Via Vittorio Emanuele II, 15
039.328716
info@alfanistudiolegale.com

ALIENAZIONE GENITORIALE – AFFIDO ESCLUSIVO – RISARCIMENTO

La sindrome di alienazione parentale relativa all’affidamento dei figli minori è stata oggetto di disciplina e indirizzo della giurisprudenza a partire dalla sentenza n. 6919/2016 della Cassazione.

La Corte ha esaminato il fenomeno dell’alienazione genitoriale che si rappresenta ogni qualvolta un genitore (alienante) mette in atto comportamenti di allontanamento morale e materiale dei figli rispetto all’altro genitore (alienato). 

Questi comportamenti sono ritenuti altamente pericolosi per i minori perché privano la figura del genitore allontanato e impediscono al minore un libero pensiero e una libera scelta del minore alla crescita del rapporto con l’altro genitore.

Se questi comportamenti vengono denunciato da un genitore il Giudice è tenuto a rilevare tra i requisiti di idoneità genitoriale anche “la capacità di preservare la continuità delle relazioni parentali con l’altro genitore, a tutela del diritto del figlio alla bigenitorialità e alla crescita equilibrata e serena» (Cassazione, sentenza 6919/2016).

Porre in essere un’alienanzione genitoriale intesa come legame simbiotico e patologico tra un genitore e un figlio, che impedisce di preservare la continuità delle relazioni parentali con l’altro genitore va considerata una grave violazione dei diritti del figlio oltre a dimostrare la mancanza dei requisiti di idoneità genitoriale.

Il Giudice, infatti, potrebbe, in concorrenza con le altre prove processuali,  affidare in via esclusiva il figlio all’altro genitore oltre alla richiesta di risarcimento danni ex art. 96, comma 3,  codice di procedura civile (somma determinata dal Giudice in via equitativa a favore della parte danneggiata – genitore alienato). 

La Corte di Cassazione con ordinanza n. 9143/2020 ha statuito, in presenza di alienanzione, il collocamento del figlio con il padre presso una comunità per permettere al figlio di evitare il condizionamento psicologico determinato dal continuo rapporto con la madre e offrire al padre l’opportunità di superare problematiche che necessitano di un intervento psicoterapeutico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.